Non vogliamo certamente difendere #AirforceRenzi come è stato denominato dalla Casaleggio, per distogliere l’attenzione dell’incapacità del Movimento a 5 Stelle di governare seriamente.

Infatti è apparso il Rocco Casalino, portavoce di Conte, a presentare il copione a Di Maio e al concentrato Ministro Toninelli.

Divertente vederli nel loro commentare e infilare con una serie di idiozie tecniche, il problema che non mentono sapendo di mentire, il problema non sanno di mentire perché ignorano.

O come dice Giulia, l’aiutante di Toninelli, Renzi abbia ricevuto favori dagli arabi per acquistare #AirforceRenzi.

Stupefacente la loro mancanza di visione strategica e conoscenza tecnica sulle cose, se questo è l’approccio , figuriamoci sui dossier dell’ ILVA o Alitalia, e la loro capacità di concentrasi sulle questione di governo.

Ricordiamo che Alitalia perde per indecisioni governative circa un milione di euro al giorno.

Questo documento video prodotto al M5S è inedito, perché “resta sul tema” oltre i 30 secondi, tempo di strappare un like..un voto.

Rappresenta la loro conoscenza sulle cose, la loro cultura, nell’affrontare i temi.

I veri problemi sulla faccenda dell’ Airbus statale, denunciati a suo tempo dal Centrodestra, sono i costi, ma non certamente la questione tecnica, la necessità di dotarsi di un quadrimotore a grande autonomia per il governo italiano.

L’Airbus non è inutile al massimo è costoso, il fatto che i costi sono secretati, è ovvio, poiché sicuramente saranno stai installati upgrade per la guerra elettronica, la dotazione della camera da letto e del fantomatico idromassaggio che non  corrisponde al vero, solo una cabina doccia, la jacuzzi  non solo un integrazione per la sostenibilità delle  12 ore di volo interrotto

Basta confrontare la spiegazione tecnica dei due con un articolo tecnico le loro capacità di analisi.

Qualunque sia il problema economico è pur vero che le considerazioni di partenza per la dotazione di aereo di quella tipologia  sono giuste.

Un quadrimotore è più sicuro di un bimotore, per le grandi tratte, non esistono sul mercato tanti modelli, per una questione che il lunghissimo raggio è antieconomico per le compagnie, ecco il motivo di una miriade di scali (HUB) per riempire al massimo i bimotori

L’Airbus ha abbandonato di fatto la produzione dei quadrigetti da 300 posti per orientarsi in quello da 600/800 posti, e la Boeing resta ferma sul suo modello famoso il 747.

In sintesi l’unico aereo che si poteva comprare o affittare con il leasing era l’ A340-500 o il 600, improponibile A380 o il cinquantenne Boeing 747.

Nel mondo aeronautico il leasing ha i suoi pregi e difetti, ricordiamo i 34 F 16 americani presi in leasing, di fatto erano degli USA ( ne distruggemmo 7 e non pagammo penali).

Far volare sui bimotori attuali il Governo Italiano non è il massimo, poi abbiamo solo ora due/tre A319CJ, che sono sempre costati 90 milioni l’uno, più dispendiosi del #AirforceRenzi nel caso di più  scali, e poi sopratutto mancano quei 300 posti per giornalisti paganti o meglio ancora delegazioni di imprenditori , per coprire in parte le spese del volo.

Il problema di fondo è la visione strategica che manca a questi pentastellati e a molti italiani, che si sentono capaci di produrre pensieri solo perché gli funziona il copia e incolla.

Un aereo del genere, poteva benissimo fatto volare ogni giorno in tutto il mondo trasportando delegazioni di imprenditori, e non come lo hanno usato i governi precedenti tenendolo nell’hangar, figlio della colpa.

L’incompetenza pentastellata resta in ogni caso…come la famosa  chiusura dell’Ilva e alla sua riconversione sulle energie rinnovabili, che non si capisce che intendono dire.

Insomma la morale..non è politica qui, ma è tecnica, in ogni caso consigliamo a Toninelli e soci di dotarsi di un economico ucraino Antonov An-124.

Ricordiamo gli aerei ….non sono infallibili, meglio avere 4 motori.

Airbus A340-500 I-TALY: il nuovo aereo della Presidenza del Consiglio

Dopo una serie di rinvii e una lunga attesa, I-TALY, l’Airbus A340-541 preso in leasing dalla Presidenza del Consiglio, è atterrato a Fiumicino.

Credit: Marco Cervone
Credit: Marco Cervone

L’A345 è decollato lunedì 1 febbario dall’aeroporto internazionale di Abu Dhabi(AUH) alle 22:13 locali (19:13 ora italiana), codice volo EY8569, ed è atterrato a Roma Fiumicino (FCO) alle 1:41 locali di martedì 2 febbraio. Le tenebre lo hanno protetto da occhi indiscreti. Potete ripercorrere la rotta di volo su FlightRadar24.

Volo EY8569 - A6-EHA

Questo aereo sarà utilizzato per i viaggi di Stato a lungo raggio, spostamenti ufficiali del Capo del Governo e di altre autorità istituzionali, come il Capo dello Stato. Attualmente questo compito viene svolto da un Airbus A319CJ del 31° Stormo.

In base a questo documento del 2013 della Presidenza del Consiglio, la flotta aerea di Stato è composta da:

  • 3 A319CJ (1 da 48 posti e 2 da 36 posti) – MM62174, MM62209, MM62243
  • 3 Falcon 900EX (da 12 posti) – MM62171, MM62172, MM62210
  • 2 Falcon 900Easy (da 16 posti) – MM62244, MM62245
  • 2 Falcon 50 (da 9 posti) – MM62026, MM62029
  • 2 AW-139 (da 11 posti) – MM81806, MM81807

Questi aeromobili sono di proprietà della Presidenza del Consiglio e assegnati al 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, basato a Roma Ciampino. La flotta, nel corso degli ultimi anni, ha subito alcuni aggiornamenti e continua il suo processo di ammodernamento. Uno degli A319CJ era stato messo in vendita, così come due Falcon 900EX.

Il 31° Stormo, pur permanendo alle dirette dipendenze del Comando della Squadra aerea, è posto sotto il controllo operativo dello Stato maggiore dell’Aeronautica che, attraverso la sala situazioni, coordina tutte le attività di trasporto aereo per esigenze di Stato, sanitarie e umanitarie. Questi voli devono essere specificamente autorizzati, soprattutto quelli relativi agli impegni internazionali, e sono pubblicati sul sito www.presidenza.governo.it.

Vedi anche  L’antifascismo italiano e l’antifascismo russo a confronto

Il neo arrivato A345 (S/N 0748) ha effettuato il primo volo il 30 marzo 2006 e proviene dalla flotta Etihad Airways – divenuta partner di Alitalia ad agosto 2014 – che lo ha ritirato dal servizio il 5 ottobre 2015, ultimo volo Tokyo Narita – Abu Dhabi. E’ rimasto parcheggiato sul piazzale dell’aeroporto di Abu Dhabi fino al 16 dicembre quando ha effettuato il primo volo di collaudo con la nuova livrea. Ad oggi ha mantenuto la sua matricola civile registrata da Etihad, A6-EHA, ma non è escluso che a breve sarà effettuato il cambio marche civili italiane (I-xxxx) o militari (MMxxxxx).

Airbus A340-500 A6-EHA
L’A345 Presidenziale ad Abu Dhabi, 2/12/2015. Foto: AirTeamImages.com

 

E’ facile ipotizzare che il nuovo aereo presidenziale avrà marche civili italiane perchè, come riporta da La Stampa, l’A345 “sarà sistemato in un hangar appositamente dedicato di Alitalia che, secondo gli accordi intercorsi, è delegata ad occuparsi della sicurezza e della manutenzione del velivolo. Per i prossimi viaggi di Stato, invece, l’equipaggio continuerà ad essere composto da piloti dell’Aeronautica Militare appartenenti al 31° Stormo di stanza all’aeroporto militare di Ciampino, che hanno già concluso i corsi per il nuovo velivolo”.

AGGIORNAMENTO 3 FEBBRAIO:Uno scatto clandestino pubblicato da Roma Spotters Club svela le marche del nuovo aereo presidenziale: I-TALY

A345 I-TALY

 

Su Skyliner-Aviaton.De è apparsa una conferma sull’avvenuta registrazione I-TALY

A345 I-TALY Registration

“La necessità di utilizzare il nuovo tipo di aeromobile deriva dall’esigenza di effettuare i voli più lunghi senza compiere uno scalo tecnico per il rifornimento di carburante. L’Airbus A340-500 è infatti l’aereo con la più ampia autonomia prodotto dal costruttore europeo: nelle versione passeggeri è accreditato di 16,600 chilometri di portata, mentre la versione executive dell’aereo, con meno posti e serbatoi ausiliari, può volare per 18,500 chilometri”.  L’Airbus A319CJ (l’attuale aereo presidenziale) l’ha un’autonomia di 8,600 chilometri. Fino al 2006, anno di debutto del Boeing 777-200LR, l’A340-500 è stato l’aereo di linea con la maggiore autonomia disponibile sul mercato. Per darvi un’idea, è in grado di effettuare un volo Roma – Sydney senza scalo.

a345 vs a319cj
Confronto: il nuovo A345 e il vecchio A319CJ. Fonte: www.portaledifesa.it

 

L’A340, prodotto da Airbus, è un aereo quadrimotore utilizzato per voli a lungo raggio. E’ stato prodotto in differenti versioni, tra cui la -500, che ha effettuato il primo volo nel 2002. Il 10 novembre 2011 Airbus aveva annunciato che non avrebbe più costruito altri A340, visto lo scarso interesse dimostrato dal mercato. Infatti, a causa dei consumi elevati dell’A340 e del continuo aumento del costo del carburante, molte compagnie aeree hanno iniziato a tagliare i voli a lunghissimo raggio. Ad esempio, come riportato dal Wall Street Journal, Thai Airways  nel 2008 aveva cancellato il volo diretto Bangkok-New York perchè, per coprire i costi del carburante, sarebbe stato necessario avere il 120% di carico pagante, quindi impossibile. Negli ultimi annoi il prezzo del carburante è sceso, è l’A340 potrebbe non essere più così antieconomico.

crude oil price 2015

Con il passare del tempo l’A340 si è rivelato anti-economico per le compagnie aeree che hanno provato a venderlo, dovendo far fronte ad una forte svalutazione visto lo scarso interesse degli acquirenti. Potrebbe invece rivelarsi adatto a svolgere il ruolo di “aereo presidenziale” visto che il Governo può trarre vantaggio da un leasing a lungo termine, dalla manutenzione affidata a terzi (Alitalia), e dal fatto che non deve rispettare le logiche di business adottate dalle compagnie aeree. Inoltre un quadrimotore come l’A340 può coprire rotte che un A319 non potrebbe coprire, anche se dotato di certificazione ETOPS, e può ospitare un carico pagante (es giornalisti accreditati) che può aiutare a coprire le eventuali spese della trasferta.

L’arrivo di questo nuovo aeromobile continua a suscitare interesse e scalpore nell’opinione pubblica, in molti hanno già criticato questa scelta, ma in mancanza di dati e cifre ufficiali è ancora presto per biasimare o elogiare l’operazione. Da tenere in conto che uno o più A319CJ dell’attuale flotta saranno venduti… Tra le altre cose ancora non è chiaro se l’aeromobile sia già stato bonificato e allestito in configurazione VIP e per quando è previsto il suo primo volo ufficiale…

Seguiranno aggiornamenti….

5 FEBBRAIO 2016Alitalia ha emesso questo comunicato stampa: “Alitalia su A340-500 a disposizione del Governo Italiano Roma, 5 febbraio 2016 – In merito all’aereo A340-500 a disposizione del Governo italiano, anche a seguito di alcune indiscrezioni di stampa, Alitalia tiene a precisare quanto segue: l’aeromobile, nella disponibilità di Alitalia in base ad un accordo con il proprio partner industriale, sarà destinato al servizio dei Voli di Stato in conseguenza di un contratto di leasing – stipulato alle usuali condizioni di mercato – tra Alitalia e il Ministero della Difesa. Alitalia si è impegnata a garantire la manutenzione ordinaria nell’ambito del contratto di leasing. L’intera operazione non comporta alcun costo per Alitalia”

L’ufficio stampa del governo ha fatto sapere che “il rapporto di leasing relativo all’Airbus è tra il governo e l’Alitalia”

L’Aeronautica Militare ha dichiarato che “Per quanto riguarda l’Airbus A340, Etihad ha concesso il leasing ad Alitalia che si occupa anche della manutenzione, mentre l’operatore esercente, tramite il ministero della Difesa, è l’Aeronautica militare”

Quindi l’Airbus 340 è stato messo a disposizione di Alitalia da Etihad attraverso un leasing (come dichiarato dall’Aeronautica Militare), e a sua volta Alitalia ha stipulato con un contratto di leasing con il Ministero della Difesa (come dichiarato da Alitalia).

Tratto da: https://www.fromtheskies.it/airbus-a340-500-il-nuovo-aereo-della-presidenza-del-consiglio/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here