Inutile negare che è difficile uscire dall’Euro, però possiamo incamminarci verso un ambiente che limita i danni dell’euro, attraverso l’introduzione di una moneta “locale” che sostituisce con il tempo l’euro. Le strade sono diverse.

  • Si possono normare le monete complementari, magari coinvolgendo le banche del territorio che potranno emettere moneta locale forse ancorandola a una riserva aurea.   I comuni possono comprare oro e stampare e pagare in banconote locali i dipendenti una parte degli stipendi, creando delle zone free EURO
  • Si può varare a livello una lira pesante ancorandola alla riserva aurea italiana, (circa 77 miliardi) , o comprando oro con euro e stampare la famosa “SOVRANA” ( il nome originario della sterlina d’oro), con i suoi tagli minori, in banconote.
  • Interessante indagare le possibilità delle bit-coin.

Non si tratta di sostituire l’euro per una nuova moneta in balia al sistema finanziario, ma riprenderci una sovranità monetaria partendo dal locale, al riparo da qualsiasi contesto sovralocale.

“Vi spiego perché la doppia moneta è un incentivo alla competitività”

Spaccare l’euro in due per salvare l’Unione monetaria: ecco come fare

tratto da : http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-doppia-moneta-incentivo-competitivit-1071681.html

Spaccare l’euro in due per salvare l’Unione monetaria: la ricetta circola da anni, e suggerisce una valuta forte per Paesi come la Germania e un’altra svalutabile che finirebbe nelle tasche dei cittadini italiani, francesi, spagnoli, portoghesi e greci.

Il Club Med, insomma. Ma l’idea di un euro a doppia velocità si può davvero mettere in pratica?

«L’operazione è tecnicamente fattibile – risponde Marco Giorgino, docente di Finanza aziendale del Politecnico di Milano – ma in prima battuta andrebbero approntate misure per evitare fughe di capitali. Poi, bisognerebbe convertire, per esempio, le attività e le passività che l’Italia ha verso quei Paesi con cui prima condivideva la moneta».

Vedi anche  Liberadestra: Verso il lavoro con un piano

Quali vantaggi darebbe al nostro Paese l’adozione dell’«eurino»?

«All’atto del change over è prevedibile un deprezzamento della nuova moneta, anche se non quantificabile con precisione: ciò porterà a un aumento della competitività delle nostre merci sui mercati internazionali. In buona sostanza, avremmo un immediato effetto benefico sulle esportazioni. Senza tuttavia dimenticare che il nostro Paese importa energia anche dalla Germania e che, quindi, c’è il rischio di un peggioramento del deficit energetico».

Un’alternativa a questa sorta di break up può essere quella di rendere meno stringenti i vincoli del Trattato di Maastricht, così da aiutare la ripresa?

«Certo, potrebbe essere una soluzione. Magari consentendo sforamenti al limite del 3% fra deficit e Pil, a patto che la parte di disavanzo in eccesso venga impiegata per aiutare le imprese attraverso una defiscalizzazione degli investimenti e degli utili reinvestiti».

La Bce, da sola, può bastare a rimettere l’Eurozona su un sentiero di crescita?

«No, per quanto Mario Draghi stia facendo – e bene – la sua parte, la politica monetaria non è sufficiente per recuperare spazi di crescita».

Cosa serve, allora?

«I governi devono essere molto più coraggiosi con le politiche fiscali: solo così è possibile far ripartire i consumi e invogliare le aziende a investire».

 

Download (PDF, 596KB)

https://www.bancaditalia.it/compiti/riserve-portafoglio-rischi/riserve-auree/index.html

http://www.ecb.europa.eu/stats/policy_and_exchange_rates/banknotes+coins/circulation/html/index.en.html

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here