Ci piace studiare un  fenomeno comportamentale  di una parte degli italiani, elettori, intellettuali e giornalisti che si richiamano a un qualcosa che sia quasi alternativo al PD a Grillo.

La tendenza, per tanti motivi, al “Riduzionismo”.

La mancanza di grandi idee e di grandi uomini, porta al riduzionismo, per adattarsi al continuo flusso di post Facebook o di twitter, in processo di riduzione teorica.

http://www.geopolitica-online.com/28016/riduzionismo-identitario-e-analisi-geopolitica

Ormai le categorie sono “cattivo” “buono” “vergogna” “like”.

Tutti inseguono il “post”, tutti inseguono questa  nuova fenomenologia della comunicazione.

http://www.minerva.unito.it/Epistemologia&Etica/Riduzionismo/Rid1.htm

Ma quello che è peggio, lo fanno proprio tutti a destra, anche gli “intellettuali” e “giornalisti”.

In fin dei conti hanno poco tempo per scrivere un post su Facebook.

Vedi anche  #USA GO HOME. Interdire gli #USA #RegnoUnito e #Francia dalle basi di #Sigonella e #Aviano. Nessun supporto logistico. I terroristi non sono nostri alleati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here