Siamo in piena guerra batteriologica.

Il Governo è allo sbando, non abbiamo visto nessuno del governo volare  a Milano, invece di pianificare, di anticipare scenari complessi , i Conti di Casalino inseguono i problemi, non anticipano.

Nell’attesa che al Governo decidono di applicare il modello cinese, non ci resta che l’auto-difesa, rispolverando protocolli di una Guerra batteriologica.

Considera che:

Gli esperti della National Health and Health Commission hanno sottolineato che il nuovo coronavirus può sopravvivere per diverse ore su superfici lisce e può sopravvivere per giorni a una temperatura di 20 gradi e un’umidità del 40% Pertanto, se purtroppo entri in contatto con questi oggetti, potresti essere infettato dal virus.

 

LA GUERRA BATTERIOLOGICA

Fare bioterrorismo o la guerra batteriologica  costa molto poco, infatti è l’arma più economica che può disporre tra gli arsenali militari.

Nella biological warfare (BW)  non è tanto la letalità, il numero dei morti, che si procura, ma è il panico, il caos, che poi aumenta la diffusione del virus, ma lo scopo principale è di bloccare la Nazione sotto attacco. Il primo obiettivo è portare  al collasso la struttura sanitaria. Aumentando il rischio di mortalità.

Di solito i virus che vengono “rilasciati” dallo stato nemico, sono virus conosciuti, di origine animali, meglio, cosi si diffonde anche nel patrimonio zootecnico, e in ogni caso meglio che il virus sia gestibile anche per la nazione attaccante , non esiste fronte.

Il Bioterrorismo invece cerca la soluzione finale, obiettivo difficile, ma che provoca lo stesso danno collaterale.

Siccome è l’arma più antica, da secoli si studiano gli scenari di una nazione sottoposta a un attacco batteriologico. Pertanto è quasi studiato tutto.

Questo articolo non indica  il COVID-19  un’arma batteriologica segreto nata in qualche laboratorio segreto della Cina.

Basta avere delle nozioni di Zootecnia per capire che la cosa è molto semplice.

Come dicevamo la guerra batteriologica è ben studiata negli ambienti militari, e da tempo sono state enucleate contromisure,  step to step , azione per azione.

Ante anni ’70 erano stoccati milioni di indumenti NBC (nucleare, biologica, chimica).

Il problema sorge quando azionare le contromisure, il problema è tutto politico, il problema da sempre è l’attendismo, il tergiversare, l’indecisionismo.

Non è dissimile alle situazione tra le sceneggiature dei B-Movie su un virus letale, quando i militari vogliono risolvere la cosa con la bomba atomica.

Non siamo qui per divulgare Fake, e animare il panico, anzi meglio indicare COVID-19 come un nemico, e perciò  combattuto come tale, al di là di quando verranno applicati i protocolli per la mitigazione della diffusione di agenti biologici in caso di scenario di guerra batteriologica.

Una consapevole informazione, ci permette sia di ridurre i rischi, ma anche la tesaurizzazione delle risorse, ovvero l’accaparramento di beni, con tutto quello che ne consegue.

COSA FARE IN CASO DI EMERGENZA BATTERIOLOGICA

Meglio divulgare, far conoscere le contromisure da prendere in caso di guerra batteriologica, integrando con le varie disposizioni ministeriali sia la per la prevenzione individuale o nei luoghi di lavori.

https://www.altalex.com/documents/news/2020/02/20/coronavirus-linee-guida-lavoratori-a-contatto-con-il-pubblico

Le informazioni sono tutte prese da siti istituzionali:

Prima fonte

https://www.ready.gov/Bioterrorism

Bioterrorismo

Gli agenti biologici sono organismi o tossine che possono uccidere o inabilitare persone, bestiame e colture. Un attacco biologico è il rilascio deliberato di germi o altre sostanze biologiche che possono farti star male.

Esistono tre gruppi di base di agenti biologici che potrebbero essere probabilmente usati come armi: batteri, virus e tossine. Gli agenti biologici possono essere dispersi spruzzandoli nell’aria, contatto da persona a persona, infettando gli animali che portano la malattia all’uomo e contaminando cibo e acqua.

Prima di una minaccia biologica

Un attacco biologico può o meno essere immediatamente evidente. Nella maggior parte dei casi gli operatori sanitari locali segnalano un modello di malattia insolita o ci sarà un’ondata di malati in cerca di cure mediche di emergenza. Il pubblico verrebbe avvisato attraverso una trasmissione radio o TV di emergenza, o qualche altro segnale utilizzato nella tua comunità, come una telefonata o una visita a domicilio di un addetto alla risposta alle emergenze.

Vedi anche  Per il #M5S “Difendere i confini non è più necessario” e regala agli #USA la Sovranità Italiana || #Conte #Vecciarelli ( #F35) #Iran #TAP #MUOS

Di seguito sono riportate le cose che puoi fare per proteggere te stesso, la tua famiglia e la tua proprietà dagli effetti di una minaccia biologica:

  • Costruisci un kit di alimentazione di emergenza
  • Prepara un piano di emergenza familiare
  • Verificare con il proprio medico per assicurarsi che tutte le vaccinazioni richieste o suggerite siano aggiornate per se stessi, i propri figli e i familiari anziani.
  • Prendi in considerazione l’installazione di un filtro HEPA (High-Efficiency Particulate Air) nel condotto di ritorno del forno, che filtrerà la maggior parte degli agenti biologici che potrebbero entrare nella tua casa

Durante una minaccia biologica

La prima prova di un attacco può essere quando si notano i sintomi della malattia causati dall’esposizione a un agente. In caso di attacco biologico, i funzionari della sanità pubblica potrebbero non essere in grado di fornire immediatamente informazioni su ciò che si dovrebbe fare. Ci vorrà del tempo per determinare esattamente quale sia la malattia, come dovrebbe essere trattata e chi è in pericolo.

Seguire queste linee guida durante una minaccia biologica:

  • Guarda la TV, ascolta la radio o controlla su Internet notizie e informazioni ufficiali, compresi segni e sintomi della malattia, aree in pericolo, se vengono distribuiti farmaci o vaccinazioni e dove dovresti consultare un medico se ti ammali.
  • Se ti accorgi di una sostanza insolita e sospetta, allontanati rapidamente.
  • Copri la bocca e il naso con strati di tessuto in grado di filtrare l’aria ma consentire comunque la respirazione. Gli esempi includono da due a tre strati di cotone come una maglietta, un fazzoletto o un asciugamano.
  • A seconda della situazione, indossare una maschera per ridurre l’inalazione o la diffusione di germi.
  • Se sei stato esposto a un agente biologico, rimuovi e metti in valigia i tuoi vestiti e oggetti personali. Seguire le istruzioni ufficiali per lo smaltimento degli articoli contaminati.
  • Lavati con acqua e sapone e indossa abiti puliti.
  • Contatta le autorità e richiedi assistenza medica. Potrebbe essere consigliato di stare lontano dagli altri o addirittura messo in quarantena.
  • Se i sintomi corrispondono a quelli descritti e si è nel gruppo considerato a rischio, consultare immediatamente un medico di emergenza.
  • Seguire le istruzioni dei medici e degli altri funzionari della sanità pubblica.
  • Se la malattia è contagiosa, aspettati di ricevere una valutazione e un trattamento medico.
  • Per le malattie non contagiose, aspettarsi di ricevere una valutazione e un trattamento medici.
  • In un’emergenza biologica dichiarata o in via di sviluppo epidemica evitare la folla
  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone.
  • Non condividere cibo o utensili.

Dopo una minaccia biologica

Presta molta attenzione a tutte le avvertenze e istruzioni ufficiali su come procedere. La fornitura di servizi medici per un evento biologico può essere gestita in modo diverso per rispondere all’aumento della domanda.

Le procedure di base di sanità pubblica e i protocolli medici per la gestione dell’esposizione ad agenti biologici sono gli stessi di qualsiasi malattia infettiva. È importante prestare attenzione alle istruzioni ufficiali via radio, televisione e sistemi di allarme di emergenza.

Visita i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per un elenco completo di potenziali agenti / malattie e trattamenti adeguati.

Contenuto associato

2 FONTE

 

COME FARE UNA MASCHERINA FAI DA TE

#coronavirus: ricercatori a Shenzhen e Hong Kong realizzano maschere protettive fai-da-te

ESPERIENZE UTILI SUL CORONA VIRUS

 

Download (PDF, 820KB)

http://www.ausl.fe.it/azienda/dipartimenti/sanita-pubblica/servizio-prevenzione-sicurezza-ambienti-di-lavoro/materiale-informativo/corso-utilizzo-dpi-per-operatori-dsp-ottobre-2016/faccaili-filtranti-uso-corretto

PIANO PANDEMICO SVIZZERO

Download (PDF, 1.05MB)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here