Un presidio in tutti i porti dell’Adriatico contro l’olio extra Ue: una mossa provocatoria ma allo stesso tempo utile al fine di alzare il livello di attenzione del governo centrale e del commissario italiano Mogherini.

Dopo il via libera di oggi da parte della plenaria Ue all’import di 35mila tonnellate di olio tunisino senza dazi “serve un’azione a tutela e promozione del petrolio italiano”.

Così il Segretario Generale del Ctim e promotore del movimento Azione Nazionale, on. Roberto Menia secondo cui “regalare una fetta di mercato a chi non ha le qualità italiane alla voce extravergine, è l’ennesima dimostrazione di una sindrome anti nazionale che il ministero delle politiche agricole dimostra”.

Menia annuncia quindi che verranno allestiti presidi nei porti adriatici di Trieste e Bari per denunciare “l’abbandono governativo di una delle più strategiche risorse italiane che Palazzo Chigi ha scelto di sacrificare sull’altare del triste ritornello ce lo chiede l’Europa”.

Vedi anche  BLOCCO NAVALE contro l’immigrazione clandestina
SHARE
Previous article#crescita
Next articleMircea Eliade

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here