Si è riacceso violentemente il teatro di guerra nel Donbass, la regione abitata dai etnie russe in Ucraina, in realtà mai del tutto spento. Dal 29 gennaio, in particolare, l’escalation  ha come epicentro la cittadina di Avdeevka  nel distretto di Donetsk.

In precedenza i rappresentanti delle milizie filorusse e le forze sicurezza ucraine avevano preso atto dell’escalation della violenza nel Donbass. Le parti in conflitto si accusano a vicenda di aumentare l’intensità dei bombardamenti e di intraprendere tentativi di attacco lungo la linea di contatto. Le autorità ucraine hanno dichiarato lo stato di emergenza nel centro da loro controllato di Avdeevka, situato nella periferia di Donetsk, dal momento che gli abitanti della città sono rimasti senza acqua, riscaldamento e luce. Secondo la missione dell’OSCE, una situazione critica si registra anche nel centro controllato dai filorussi di Yasinovataya, anch’esso situato vicino Donetsk.

Come affermato dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, a Mosca sono preoccupati dalle azioni aggressive di Kiev nel Donbass, che minano gli accordi di Minsk.

Allo stesso tempo la Russia dispone di informazioni credibili in base alle quali l’attacco nei pressi Avdeevka è stato iniziato dai paramilitari ucraini appoggiati dalle forze armate di Kiev.

http://www.difesaonline.it/geopolitica/tempi-venturi/donbass-ancora-fiamme-le-forze-di-kiev-riprendono-liniziativa-due-passi-da

KIEV ALL’ATTACCO IN DONBAS. COMPLICI, MCCAIN E I “FAKE MEDIA”

Tratto da http://www.maurizioblondet.it di Maurizio Blondet

Le truppe di Kiev da giorni hanno compiono bombardamenti d’artiglierie contro il Donbass separatista – uccidendo volontariamente gran numero di civili (qualcosa che hanno imparato dalla Cia?).  Durante le ultime 24 ore, le truppaglie della giunta hanno sparato 3016  volte contro il territorio separatista, di cui 490 volte con razzi multipli Katiusha,  e 939  volte con artiglieria pesante (122 e  152 mm).  Così’  hanno  ucciso due persone (una anziana di Avdeyevka), colpito un’ambulanza  ferendone gli occupanti,   distrutto 51 edifici civili, fra cui  un piccolo parco-giochi per bambini a Makeyevka, ma soprattutto  danneggiato la stazione di filtraggio acqua di Donetsk, privando la capitale, e  Yasinovataya e Avdeyevka, dell’acqua corrente. Ciò ricorda molto da vicino ciò che è avvenuto in Siria a  metà, dopo la liberazione di Aleppo,  quando ignoti terroristi hanno, con un attentato mirato, privato di acqua potabile Damasco  che ha 5 milioni di abitanti (decisamente, firma  Cia).

Il cadavere di Katia Volkova, 60 anni, pianta dalla figlia e dalla nuora.  Uccisa da  un mortaio mentre entrava  in  una bottega. 

Che sia una provocazione della giunta, non è dubbio.   Persino gli osservatori tedeschi  lo ammettono:  “Dietro,   si sospettava nel governo tedesco,  ci potrebbe anche essere il calcolo di aggravare la situazione in modo che i piani del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per alleviare le sanzioni possano essere fermati. Poroshenko tenterà qualsiasi cosa per evitare la fine delle sanzioni contro la Russia.

http://www.sueddeutsche.de/politik/ostukraine-kiews-kalkuel-1.3356319

Anche gli osservatori OSCE, che dovrebbero controllare   il cessate il fuoco di Minsk 2  e di solito danno la colpa ai separatisti, stavolta ammettono – implicitamente – che sono stati i nazistoidi di Kiev. Infatti è  a  loro che  Alexander Hug, uno dei capo missione, ha chiesto di smettere di sparare sul twitter ufficiale dell’OSCE.

Anche perché sembra che lo stesso Hug  sia stato preso sotto il fuoco ucraino mentre andava verso la centrale di filtraggio  per  accertare i danni.

Washington Post: “E’ Putin  che ha aggredito”.

Ma  la cosa più grave non è questa. La più grave è che il Washington Post, riportando i fatti, ne dia la colpa esclusivamente “a Putin  per forzare la mano a Trump a fare qualcosa”.  Parla di “bombardamenti ed attività militare russi”,  si affretta a riportare il parere di tale Alex Kokcharov, analista di   Jane’s, che asserisce l’assurdo: “La Russia sta volontariamente usando una escalation controllata nel Donbas per dimostrare il suo controllo del conflitto alla nuova amministrazione Usa. E’ probabilmente parte della più ampia strategia russa di assertività militare all’estero”.

https://www.washingtonpost.com/world/europe/ukraine-fighting-could-pose-early-challenge-to-trump/2017/02/01/1885205a-e88f-11e6-80c2-30e57e57e05d_story.html?utm_term=.5f1221ed3fd0

Siccome  la  spudorata “ fake news” del grande giornale Usa – chiaramente parte della politica di provocazione  del “deep state”, che non si perita di provocare un conflitto contro  la  Russia,  sull’Ucraina come in Polonia o nei baltici-   sarà  ripresa  dai media italiani ed europei (anzi già la ripetono  diverse radio),   mettiamo qui i dati per smentirla. Senza nessuna speranza, a futura memoria: noi non siamo caduti nella menzogna.

Vedi anche  Il cervello di #Trump: Rudy #Giuliani "Mayor"

Dunque, il lettore deve sapere che la missione OSCE, che dovrebbe controllare il cessate il fuoco lungo le linee di demilitarizzazione  concordate, ed è costituito da militari NATO ma anche russi, rilascia rapporti quotidiani – evidentemente ignorati dal Washington Post.  .

Da questi risulta che:

Il 26 gennaio, la Missione Osce ha rivisitato un sito di  immagazzinamento militare permanente della forze di Kiev, il più importante, ed “ha osservato  che 12 carri armati T-64 e  quattro mortai da  82  millimetri  erano scomparsi.  La  Missione Osce nota che le violazioni del cessate il fuoco sono diminuite nelle  serate del 27 e 28 gennaio, rispetto al passato (“solo” 330  esplosioni rispetto alle  520 solite); e  poi “nelle seguenti 24  ore, registra  2300 esplosioni,   per lo più nelle zone di   Avdiivka-Yasynuvata-aeroporto di Donetsk “. Evidentemente gli aggressori stavano silenziosamente riposizionando l’armamento pesante su posizioni avanzate,m dentro la zona demilitarizzata – in piena violazione degli accordi.   Hanno anche abbattuto un drone da osservazione della Misisone. Una ventina di  uomini in mimetica “ma disarmati” sono stati colti da osservatori dell’Osce mentre  avevano bloccato, con tre tronchi sui binari, la linea ferroviaria tra  Hirske (Kiev) e Donetsky (controllata dai ribelli).  Hanno detto agli osservatori OSCE di essere  “reduci di battaglioni di volontari” ucraini  e aver bloccato il traffico “per combattere contro  il contrabbando”.

http://www.osce.org/ukraine-smm/295996

Gli ucraini hanno anche abbattuto un  drone d’osservazione dell’OSCE  sopra Makeyevka, lanciando un missile BUK.

https://dninews.com/article/dpr-command-kiev-applies-buk-missile-system-attacking-osce-drone-above-makeyevka

Il senatore McCain con le truppe di Kiev.

Non si deve dimenticare  che il  noto senatore John McCain, accompagnato dal suo costante tirapiedi senatore Lindsey Graham,  hanno passato le feste di Capodanno a Kiev .  Non per  il veglione. Hanno visitato la 36ma Brigata di Marina Separata (?)  sulla linea avanzata di Shyrokyne, a quattro chilometri dalla linea di contatto, insieme  a  Poroshenko.  “Ammiro che voi combattete per la  patria”, ha proclamato Graham:”La vostra lotta è la nostra lotta .  Il 2017  sarà l’anno dell’offensiva”.  McCain: “Io sono convinto che voi vincerete,  e noi faremo tutto quel  che possiamo per darvi tutto quel che vi serve per la vittoria”.  Non  a caso  Trump ha  detto a McCain di “smettere di cercare di provocare la  terza guerra mondiale”.

(Poroshenko dal canto  suo ha incitato i soldatiu con queste parole: “Stiamo combattento per la libertà, per i valori della democrazia, per protreggerli nell’Europa centralre del XXI seoclo”:  le stesse parole che dice la Mogherini contro Trump).

We are fighting for freedom, for the values, for democracy, protecting them in the center of Europe in the XXI century,” he said.

Negli ultimi due anni,  l’esercito di Kiev    è passato per un massiccio rafforzamento:  nuove armi ed equipaggiamento arrivati da Usa e paesi  NATO,  droni,   addestratori  americani;  sulla carta è un’armata di 250 mila coscritti.   Ma la  loro combattività  è dubbia.  Di  fatto, l’offensiva in corso è  sostenuta  dai  battaglioni  neonazisti   del Pravi Sektor; che continuano gli attacchi oltre le  linee, nonostante le gravi perdite: 93  morti e 300 feriti secondo i rapporti stessi di Kiev.  Il quale ha  sloggiato i pazienti dagli ospedali di Avdeyevka, Konstantinovka, e Selidovo  per  fare posto ai militari.

I comandi dei separatisti sostengono che le  loro linee di difesa reggono.  Sono però molto preoccupati della presenza  a Kramatorsk, a 48 chilometri  da loro, di due sistemi di missili Trocka-U,  che le truppaglie di Kiev potrebbero lanciare se messi alle strette: provocando stragi.. Hanno avvertito gli osservatori della Missione Osce.

https://dninews.com/article/ukrainian-military-ready-launch-six-missiles-%E2%80%98tochka-u%E2%80%99-dpr-territory

Fonte originale:

KIEV ALL’ATTACCO IN DONBAS. COMPLICI, MCCAIN E I “FAKE MEDIA”

 

GUERRA DI PROPAGANDA

Ovviamente il prossimo conflitto nel Donbas, verrà combattuto anche sul fronte della propaganda, proveremo a monitorare la rete, e fotografarla in quell’istante che decine di siti si attiveranno per lanciarsi accuse e controccuse di massacri.

Nel frattempo alleghiamo, le basi:

http://www.irf.ua/en/

http://interfaxenergy.com

http://ukraineunderattack.org/en/

Shelling of Ukrainian Armed Forces

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here